Tutelare il patrimonio da una eventuale recessione

Il momento attuale relativo ai mercati  finanziari e all’economia globale, comporta una generale incertezza sul futuro che si ripercuote non soltanto sull’impressione che l’Italia dà di sé agli altri paesi, ma anche sulla fiducia che questi pongono sulle nostre capacità di riuscire a risollevare un’economia che appare essere stata fortemente “stressata” da questo periodo di stop forzato alle imprese dovuto al Coronavirus.

Per questo motivo, temendo una recessione o addirittura intravedendo il rischio di default, sono tanti coloro ai quali cominciano a pensare di investire il proprio patrimonio in maniera sicura così da tutelarlo, qualsiasi cosa possa accadere.

Investire in oro per tutelare il patrimonio

Tra questi investimenti quello maggiormente rassicurante è di investire il proprio denaro in oro.
Tale soluzione è riconosciuta in maniera universale come la più sicura, ed è proprio questa strada che tanti utenti hanno deciso di intraprendere al fine di poter preservare i propri beni qualunque cosa dovesse accadere.

A decidere di correre ai ripari in questo momento non sono infatti solamente i singoli cittadini, ma anche aziende e realtà commerciali di vario tipo, le quali hanno individuato nell’oro lo strumento migliore per tutelare il proprio patrimonio, ottenendo tutte le rassicurazioni necessarie.

Come è noto infatti, non appena una valuta inizia a perdere potere d’acquisto, riuscire a contenere l’inflazione diventa sempre più complicato e la moneta perde dunque il suo valore in maniera progressiva.
Sono soggetti a rischio di svalutazione anche i soldi fermi sui conti correnti, i quali ovviamente non sono al sicuro ma al contrario sarebbero i primi ad essere interessati da un eventuale deprezzamento.

L’oro è la soluzione migliore per tutelare il patrimonio

L’incertezza che aleggia attorno al nostro paese, dal punto di vista economico e finanziario, è proprio la ragione per la quale sono in tanti ad aver deciso di investire in oro e tutelare il proprio patrimonio in maniera più efficace, cosa che la moneta cartacea non può garantire per ovvi motivi.

Bisogna infatti sottolineare che chi decide di investire in oro va a preservare del tutto il proprio patrimonio rispetto chi ha adottato altre soluzioni. Tra l’altro, investire in oro è una pratica ormai di uso comune e non più complicata come una volta, e vi sono servizi che consentono di acquistare in sicurezza l’oro come quello offerto da BonusOro.

Grazie a questo tipo di servizio l’oro acquistato viene custodito in un luogo sicuro, in questo caso all’interno di appositi caveau in Germania, laddove soltanto l’investitore avrà facoltà di accedervi. In questa maniera chi effettua l’investimento ha la sicurezza di essere riuscito a tutelare veramente il proprio patrimonio.

Inoltre è bene ricordare che in Germania questa operazione è interamente esente da IVA e ogni altro tipo di imposta esistente in Italia. Parliamo dunque di una scelta sicuramente vantaggiosa dal punto di vista della tutela del patrimonio, ma che al tempo stesso è conveniente anche per quel che riguarda la fiscalità.

L’oro acquista valore nel tempo

Investire in oro dunque, è una tipologia di investimento conveniente in quanto questo bene prezioso è sempre garantito negli anni, e non è soggetto a svalutazione a differenza di quanto avviene con la valuta cartacea.  Inoltre la privacy del cliente è sempre rispettata dato che i suoi dati non vengono ceduti a soggetti terzi, per cui nessuno può venire a sapere che è stato effettuato un investimento di questo tipo.

Ecco dunque il perché investire in oro ad oggi è considerata la tipologia migliore di investimento e l’unica in grado di fornire tutte le certezze di cui l’investitore ha bisogno per vedere tutelato il proprio patrimonio, soprattutto in una situazione come quella attuale in cui l’economia nazionale e mondiale è potenzialmente a rischio recessione, una situazione in cui i mercati finanziari non sembrano avere grande fiducia nella ripresa economica italiana relativa ai prossimi mesi.

Cura al meglio i denti del tuo bambino

I denti decidui o comunemente denominati “da latte” (in tutto 20) rappresentano la prima dentatura di ciascuno di noi. I primi denti da latte a presentarsi sono i centrali inferiori intorno ai 6 mesi, mentre gli ultimi a cadere sono i canini a 12 anni circa. Affinché il bambino possa giovare di una dentatura permanente in grado di svilupparsi in un ambiente sano, è molto importante avere cura della dentatura decidua.

La carie

I batteri della placca aggrediscono i residui di cibo creando un ambiente acido che intacca lo smalto del dente e permette all’infezione di progredire in profondità. Per evitare questo è importantissimo lavarsi spesso i denti.

Evoluzione della carie

  • Lo smalto è il primo tessuto ad essere intaccato.
  • La carie si estende alla dentina.
  • L’infezione giunge fino alla polpa del dente, causando infiammazione e necrosi

La prevenzione

Fare una prevenzione efficace è possibile e doveroso. Una buona igiene orale e abitudini alimentari corrette possono evitare al bambino l’intervento del dentista e renderanno i suoi denti più robusti anche da adulto.

Come pulire i denti del tuo bimbo

  • Comincia a spazzolare i denti del bimbo non appena essi spuntano con una garzina asciutta, poi con uno spazzolino piccolo.
  • Fare attenzione che i bimbi non deglutiscano la schiuma del dentifricio e si sciacquino bene.
  • Lo spazzolino deve essere preferibilmente di durezza media.
  • Sostituisci lo spazzolino quando è consumato o comunque non usarlo per più di 3 mesi.
  • Lo spazzolino deve avere una testina piccola per raggiungere ogni zona della bocca.
  • È importante che il bambino sia abituato fin da subito a lavarsi i denti.
  • Sii d’esempio per i tuoi bambini in modo che imparino una corretta igiene orale.
  • Non trascurare i denti più nascosti e difficili da pulire.
  • Fai attenzione anche allo spazio tra un dente e l’altro.
  • Spazzola i denti del bambino 3 volte al giorno, meglio se dopo i pasti.
  • I microbi della carie si possono trasmettere da un soggetto all’altro tramite contatto diretto e indiretto della saliva quindi lo spazzolino non va scambiato tra bambino e bambino. È consigliabile che anche gli adulti che sono a contatto con i bambini (tramite l’utilizzo di cucchiaini per l’assaggio dei cibi, ciucci, tettarelle, etc.) abbiano la bocca sufficientemente sana.

Ricorda

Fai in modo che lavarsi i denti diventi un gioco, non una noiosa abitudine. Evita le frasi come: “Lavati i denti e poi fila a letto!”.

Il fluoro

Il fluoro irrobustisce lo smalto e la dentina svolgendo un’azione importante sui denti in formazione fissandosi ad essi. Si trova nel dentifricio, arricchendo così la saliva e offrendo una barriera protettiva in più, o può essere somministrato in pastiglie, anche con il pasto se nella forma di monoflucrofosfato (altrimenti lontano dai pasti non essendo compatibile con il calcio).

L’importanza di una corretta alimentazione

Alimenti amici dei denti:

  • Latte, yogurt, formaggi
  • Uova
  • Pesce
  • Riso
  • Frutta e verdura

Alimenti nemici dei denti:

  • Cibi ricchi di zuccheri: caramelle, paste dolci, miele, marmellate, bevande zuccherate.
  • Cibi molli e gommosi (che aderiscono ai denti e alle gengive e si annidano negli interspazi).

Pulisci i denti subito, per evitare la trasformazione dei residui di cibo in placca

Alcuni consigli:

  • Non abituare il bimbo a ricevere alimenti zuccherati per farlo stare buono, per confortarlo o per premiarlo.
  • Per dissetarlo l’acqua è la cosa migliore.
  • Attenzione ai succhi di frutta, evitare quelli zuccherati (oltre allo zucchero attenzione a: sciroppo di glucosio, fruttosio, saccarosio, destrosio, miele, zucchero invertito, maltosio).
  • Integrare la dieta con il fluoro.

L’importanza del dentista

Rivolgiti al dentista:

  • Per il primo controllo (2 anni e mezzo / 3 anni circa);
  • Per visite regolari due volte all’anno

Ricorda

  • La visita dal dentista deve essere per il vostro bambino una consuetudine fin da piccolo e non deve essere associata solo al fastidio nel caso di una carie da curare.

Non spaventare il bambino con frasi che rendono terribile il dentista.

Sigarette elettroniche: su che sito acquistarle?

sigarette elettroniche

Le sigarette elettroniche si possono acquistare comodamente online, ma su quale sito? Ci sono infatti infiniti e-commerce tematici e non che propongono le più diverse tipologie di e-cigarette, ma come orientarsi per trovare i prodotti migliori e più sicuri? In questa mini guida scopriremo come scegliere il sito migliore di sigarette elettroniche e quali variabili valutare in pochi click. Svappare in sicurezza, con soddisfazione e utilizzando solo liquidi e prodotti di qualità è possibile anche senza doversi recare per forza nei negozi fisici: ecco come fare.

Come scegliere il sito di sigarette elettroniche ideale

Come detto sul web ci sono davvero infiniti e-shop dedicati alla vendita di sigarette elettroniche e spesso orientarsi in mezzo a queste tante proposte è difficoltoso, specie se si è neofiti svappatori. In via generale, come anche per altri e-commerce che vendono i prodotti più vari, è bene cercare portali che possano soddisfare le proprie esigenze, ecco di seguito cosa cosa ricercare.

Verificare che il sito:

  • venda sigarette elettroniche dei brand preferiti e relativi pezzi di ricambio;
  • venda liquidi compatibili e dei marchi preferiti;
  • venda a prezzi competitivi;
  • specifichi nelle schede dei vari prodotti contenuti, dimensioni, prezzo, ecc;
  • accetti diverse tipologie di pagamento;
  • spedisca mediante corrieri nazionali e con spedizioni tracciabili.

Queste sono solo alcune cose da valutare nella scelta del sito ideale per sigarette elettroniche, ma in generale è anche bene leggere le recensioni, confortatori nei forum e chiedere a conoscenti svappatori o direttamente ai negozianti di fiducia.

Acquistare sigarette elettroniche online: a cosa prestare attenzione

Sicuramente sono da considerare le informazioni sopra elencate, ma non è tutto. Per fare acquisti sicuri è bene anche prediligere portali tematici, cioè che trattino esclusivamente prodotti per fumatori e per lo svapo e gestiti da personale specializzato. In questo modo si potranno anche chiedere consigli mirati e specifici creando anche una certa confidenza e fiducia che gioverà sia al venditore che al consumatore. Inoltre si consiglia di scegliere sempre siti e-shop di sigarette elettroniche che rispettino le leggi vigenti, che non vendano ai minori, che rispettino la privacy, che permettano di esercitare il diritto di recesso secondo le modalità e le tempistiche previste dalla legge nazionale. Questi sono alcuni esempi e gravitano attorno al rispetto del consumatore e della legalità: anche questo è una spetto importante e acquistare su siti illegali rende il compratore complice del reato.

Siti per acquistare sigarette elettroniche online: i servizi migliori

Su che sito acquistare le sigarette elettroniche? Nella nostra guida non ci sono nomi specifici o indirizzi di e-shop dedicati alle e-cigarette e allo svapo in generale, ognuno infatti troverà i suoi personali portali di fiducia e preferiti. Ciò che è importante però è dirigere i consumatori alla scelta ad hoc, come abbiamo fatto fino a qui. Ci sono poi anche e-commerce di sigarette elettroniche realizzati da veri negozi fisici e che consentono ai clienti abituali e non di comperare online ad esempio nei giorni in cui il negozio è chiuso, come successo nei periodi di quarantena preventiva a causa dell’emergenza Coronavirus. Questo aspetto piace molto a tanti clienti, non solo giovani, che reputano il servizio una coccola in più per il cliente, come anche le consegne a domicilio e le scontistiche dedicate, le raccolte punti e simili.

Investimenti immobiliari efficaci alle Canarie: quale servizio scegliere

investimenti immobiliari

Le Canarie sono un gruppo di isole nell’oceano atlantico facente parte della Spagna facente parte dell’Unione Europea, non stiamo infatti parlando di un paradiso fiscale, ma il fatto che queste facciano parte dell’UE conferisce loro molti vantaggi. Infatti nelle Canarie viene applicata una tassazione molto ridotta rispetto agli altri stati dell’Europa, dal momento che si trovano in una zona definita “ultra periferica”. Dal momento che queste non sono un paradiso fiscale non sono state inserite nella “black list” dell’unione europea, inoltre lo stato spagnolo ha designato tutte le isole facenti parte delle Canarie: Gran Canaria, La PalmaLanzarote, El Hierro, La Gomera e Tenerife come zone a statuto speciale in modo tale da agevolarle ulteriormente a livello fiscale e favorirne quindi lo svilupparsi. Tutti questi vantaggi apportati dalle condizioni dello statuto speciale e della “zona ultra periferica” designata dall’Europa rendono le Canarie l’area d’Europa col maggior numero di agevolazioni fiscali, rendendola veramente ottima sia per privati che per imprenditori per l’investimento. Se siete interessati a questo ambito e cercate una consulenza per poter investire in un business nella zona delle Canarie ciò che fa per voi è www.canarieconsulting.com.

Cos’è www.canarieconsulting.com

www.canarieconsulting.com è il sito dell’agenzia “Canarie Consulting” un gruppo di esperti in investimenti immobiliari nell’area delle isole Canarie. Questo sito rappresenta il modo migliore per chiunque sia interessato di ricevere una consulenza con risposte veloci e professionali, sempre attuali per un possibile investimento nell’area delle Canarie. I prezzi per le consulenze sono accessibili a chiunque rendendo il loro servizio perfetto sia per aziende che per privati. Le consulenze possono essere offerte tramite internet, l’appuntamento viene fissato in sole 24 ore dall’effettuazione della richiesta, questa può avvenire tramite skype, un addetto prenderà in carico la tua chiamata e potrai chiedere tutto quello che necessiti sapere, riceverai risposte qualificate immediatamente ad ogni tuo quesito.
Il tariffario comprende:
– 1 ora 50 euro;
– 3 ore a 140 euro;
– 8 ore a 360 euro.
se si necessità di porre una sola domanda sarà possibile richiedere tranquillamente un preventivo compilando il form dal sito.
I servizi messi a disposizione per le società e i professionisti sono:
– Assistenza per la costituzione di una società.
– preparazione della contrattualità per l’ottimizzazione dei risultati dai punti di vista economici, finanziari e fiscali.
– assistenza per la pianifica nell’eventualità di spostamento di aziono o quote.

Se si vuole aprire una società sarà necessario possedere un NIE e se non lo si possiede www.canarieconsulting.com vi aiuterà ad ottenerne uno.

La consulenza immobiliare offerta

Da www.canarieconsulting.com non è da confondere con l’intermediazione che solitamente attuano le agenzie. Il sito www.canarieconsulting.com offre questo servizio a chiunque desideri effettuare degli investimenti in campo immobiliare nella zona delle isole Canarie, attraverso il quale sarà possibile ottenere il meglio dal proprio investimento. Per ogni singola operazione immobiliare che viene proposta infatti vengono fatte una serie di valutazioni e studi utilizzando informazione oggettive ottenute dalle analisi di mercato.

Altri Servizi legali offerti sul sito www.canarieconsulting.com

I professionisti di Canarie Consulting vi aiuteranno in tutte le fasi per la stipulazione di un contratto e di tutta la documentazione relativa, accompagnandomi sin dalle prime fasi fino al momento dell’apposizione della firma, tutelando al massimo gli interessi del cliente in modo efficace e professionale, come nessun’altra aziende in questo campo potrebbe fare.

Canarie Consulting vi aiuterà anche in caso di successioni, le successioni avvengono in caso di morte di una persona, quando uno o più soggetti subentrano per ottenere legalmente il possesso dei beni del deceduto. Gli avvocati di www.canarieconsulting.com vi aiuteranno passo passo per adempiere a tutte le obbligazioni che si sviluppano con queste procedure.

Canarie Consulting vi aiuta anche per lo svolgimento di tutte procedure per l’immigrazione, per ottenere la cittadinanza o per ricongiungersi con la famiglia.

Soccorso stradale, cosa fare se hai la macchina in panne

Diciamocelo, le improvvise avarie dell’automobile sono una delle croci più frequenti che gli automobilisti si trovano a dover sopportare e spesso, per una tanto strana quanto sfortunata coincidenza, proprio nei momenti e nei luoghi meno opportuni.
Quante volte è capitato di aver bisogno improvvisamente e immediatamente di un carro-attrezzi a causa della macchina in panne? E soprattutto, quante volte questa necessità ha dovuto fronteggiare lunghi tempi di attesa prima di essere soddisfatta e/o si è vista considerata da servizi di scarsa qualità?

In questo caso, l’elemento tempo è di vitale importanza: parliamo di situazioni di estrema necessità ed urgenza in cui risulta fondamentale un soccorso tempestivo e celere che possa non solo garantire a chi ha la macchina fuori uso di poterla riutilizzare quanto prima possibile, ma anche assicurare un’immediato ripristino delle condizioni di sicurezza, per il soggetto in questione e per gli altri automobilisti.

La considerazione di questi elementi è posta a fondamento dell’attività svolta da Carroattrezzi Roma, operante nell’intera zona di Roma all’interno del Grande raccordo anulare.

L’azienda è attiva da vent’anni circa nel campo del soccorso e dell’assistenza stradale e si propone di garantire tutti i giorni, a tempo pieno e senza limiti orari, un servizio di pronto intervento attivabile chiamando l’apposito numero telefonico.

Carroattrezzi Roma, diversamente da altre concorrenti del settore, si preoccupa non solo di risolvere il problema principale, ovvero l’avaria dell’automobile, ma anche di tenere in considerazione le necessità del cliente. Molto spesso, infatti, avere la macchina in panne, a prescindere dalle cause (peraltro spesso incolpevoli) che l’hanno determinata, comporta l’impossibilità di spostamento per diversi giorni.

Viceversa, la ditta assicura riparazioni in giornata così da garantire una minimizzazione dei danni collaterali derivanti dall’avaria. In tal modo tenta di ripristinare la mobilità originaria del cliente.
Peraltro, vanta operatori dall’alta formazione ed esperienza professione pluriennale specificamente preparati ad affrontare le situazioni più disparate: luoghi poco accessibili o cattivo tempo sono solo due esempi.

Evidentemente, trovandosi dinanzi ad una situazione di emergenza quale quella della macchina in panne il primo errore da non compiere è quello di farsi assalire dal panico e di rivolgersi al primo numero trovato. Viceversa, è bene rivolgersi a professionisti che garantiscano efficienza ed alta qualità di servizio.

Nel caso della macchina in panne, quindi, non si dovrà assolutamente procedere ad un tentativo di riparazione “fai da te” ma dovrà attendersi il soccorso, così che questo possa non solo risolvere il problema ma anche garantire un’adeguata tutela degli altri automobilisti, potenzialmente esposti a rischi nella zona stradale interessata.

Insomma, quella dell’auto in panne è una bega al contempo da non sottovalutare e da cui non lasciarsi spaventare eccessivamente. Necessario e sufficiente è mantenere la calma, pensare lucidamente e rivolgersi a professionisti qualificati che, sulla base di un rapporto ottimizzato qualità-tempo del servizio, possano far fronte alle particolari circostanze del caso ed eliminare il problema il prima possibile.

3 ricette facili e veloci per preparare la torta in casa

ricette per torte casalinghe

In questo articolo vi parlerò di come preparare 3 tipi di torte fatte in casa molto semplice che ovviamente tutti conosciamo…

TORTA MARGHERITA

INGREDIENTI:

150 gr di burro
3 uova
300 gr di zucchero
300 gr di farina
180 gr di latte
1 bustina di lievito “BEROLINI”
1 bustina di vanillina (A piacere)

PROCEDIMENTO:

Sbattete i tuorli e gli albumi separati con le fruste. Montate a neve gli albumi con un pizzico di sale, i tuorli montarli con lo zucchero e il burro fuso. Poi aggiungete gli albumi ai tuorli, la farina, il latte e infine il lievito. Infornate a 180º per 25-30 min.

CONSIGLI UTILI:

1) Mettete in forno con temperatura per cuocere sia sotto che sopra
2) Imburrate la teglia o con un tovagliolo di carta ungere con olio di semi e metterci un po’ di farina
3) Per avere un impasto bello morbido al posto del burro potrete benissimo usare dell’olio di semi

TORTA DI MELE

INGREDIENTI:

350 gr di farina
250 gr di zucchero
3 uova
1 bustina di lievito
1 bicchiere di olio di semi
1/2 bicchiere di latte
2-3 mele a cubetti

PROCEDIMENTO:

Sbattete i tuorli e gli albumi separati. Prima montate a neve gli albumi con un pizzico di sale. Sbattete i tuorli con lo zucchero e il bicchiere d’olio. Poi aggiungete ai tuorli gli albumi, la farina, il mezzo bicchiere di latte, il lievito e infine 1 mela tagliata a dadini. Mescolate il tutto! Dopodiché quando avrete messo il tutto nella teglia imburrata e infarinata allora tagliate 2 mele a fette e mettetele sopra facendo il giro fino ad arrivare in centro e coprire tutta la torta di mele.

Se invece siete degli amanti di crostate che siano di frutta, nutella o marmellata allora ecco a voi una ricetta semplice da fare in casa senza troppa fatica. Potrete fare voi stessi una crostata in casa!!!

PASTA FROLLA

INGREDIENTI:

250 gr di farina
150 gr di burro
100 gr di zucchero semolato
40 gr di tuorli

PROCEDIMENTO: ( METODO CLASSICO)

Disporre la farina a fontana setacciata e nel centro lavorare il burro morbido a temperatura ambiente con lo zucchero, successivamente aggiungete i tuorli e gli aromi. Incorporate la farina, lavorate velocemente l’impasto fino ad ottenere un panetto omogeneo. Coprite con della pellicola e far riposare in frigo per 2-3 ore prima dell’utilizzo. Trascorso questo tempo tirare fuori dal frigo mettere nella teglia da crostata, farcirla di nutella o marmellata come preferite e tagliate prima delle striscioline da mettere sopra (questo é il metodo classico) poi c’è il:

METODO SABBIATO che sarebbe:

Sabbiare il burro con la farina e successivamente incorporate lo zucchero, i tuorli e gli aromi fino ad ottenere un panetto; coprite con la pellicola e porre in frigo a raffreddare prima dell’utilizzo. Dopo che tirate fuori mettete nella teglia da crostata e con la pasta che avanza dopo averla farcita a vostro piacimento tagliate delle striscioline da metterle sopra. Ecco dopo queste 3 gustosissime ricette che vi ho dato potrete assaporare voi stessi la bontà di questi dolci fatti in casa e vedrete voi stessi che vi piaceranno sicuramente!!! Dei dolci molto semplici da preparare, così potrete assaporare e sbizzarrirvi in cucina a fare queste torte in compagnia di amici o in famiglia nel tempo libero. Non vi resta che provare!!! Ottime per gli amanti della cucina e anche per quelli più golosi. Pensate che sembrano proprio come quelle comprate se non ancora più buoni se fatti bene ovviamente. Il segreto per impasti morbidi quando si fanno torte di mele, la margherita e lo stesso torta allo yogurt… Insomma qualsiasi tipo di torta… Ricordatevi sempre che per ottenere impasti morbidissimi il segreto sta nell’olio… Quindi al posto del burro se dosato bene potrete mettere nell’impasto l’olio di semi e vedrete voi stessi la differenza che rimarrà bella morbida anche il giorno dopo. Per una maggiore degustazione esattamente come appena fatta. Per un risultato ottimo mi raccomando seguite alla lettera la ricetta!!! Dunque mettetevi all’opera e dopo queste ricette molto buone e davvero semplicissime da preparare non mi resta che augurarvi BUON APPETITO!!!

Moda fashion Curvy: ad ognuna il suo abito perfetto

È un concetto ormai passato quello che vede i modelli d’abbigliamento fashion con una sola ed unica taglia.

Oramai il modello curvy spopola sempre più ed è possibile prendere alcuni spunti e numerosi suggerimenti per outfit alla moda anche su numerosi portali dedicati all’abbigliamento curvy on line dove è disponibile un’ampia gamma di modelli e di stili.

I punti cardine dell’abbigliamento curvy sono quelli di puntare a mettere in evidenza con sapienza quelli che sono i punti forti del proprio fisico.

Come in tutti i campi, esistono delle regole non scritte per l’abbigliamento curvy che sarebbe meglio osservare.

Aldilà di qualsiasi frase fatta bisogna ricordare che ognuna può esser bella a modo suo; la semplicità è la prima parola d’ordine, meno orpelli vi sono più la sobrietà potrà premiare.

Nell’immaginario erotico collettivo, oramai, il modello curvy è sempre più apprezzato: basti pensare che anche la Pirelli ha scelto una modella curvy per il suo celebre calendario.

La cosa più importante è la proporzione: se una ragazza è alta 1 metro e 80 con una taglia 46, difficilmente sarà accostata ad una curvy, così come una alta 1 metro e 60 con una taglia 44, potrebbe esserlo.

Uno dei segreti è quello di camminare a testa alta, senza pensare alla taglia che si porta o ai centimetri del giro vita. Prendersi cura di se stessi è il primo viatico per la strada giusta da seguire.

Chi ha qualche rotondità in più ha una caratteristica, non un difetto: le forme, se si è in salute, sono seducenti e quei dettagli servono a render unici.

C’è una sottile differenza tra il rendersi conto che certi abiti sono inadatti per una ragazza curvy e il non poterselo permettere.

L’autostima è fondamentale, diviene l’ingrediente fondamentale per non rendervi schiave di un preconcetto.

Il sentirsi bene con sé stesse è importantissimo e questo deve essere il primo incipit per far sì che tutto sia perfetto.

I vestiti e gli accessori giusti devono essere scelti con cura, devono essere valorizzanti al 100% e, con le giuste attenzioni, potreste essere davvero uniche.

Ad oggi, infatti, una donna curvy può tranquillamente indossare anche un capo che sia elegante e alla moda a prescindere dalla taglia

Mettere in mostra i lati positivi

Il mostrare le proprie forme non è volgare se fatto con stile.

Valorizzando a pieno le formosità non significa essere sfacciate, ma soltanto voler evidenziare dei punti forti del proprio corpo.

Il trovare un proprio stile può essere fondamentale: casual, sportiva, elegante o raffinata è soltanto una scelta vostra, l’ingrediente segreto è sentirsi bene con sé stesse e quando ci si guarda allo specchio.

Anche i giusti accessori aiutano non poco a valorizzarsi, una borsa o una collana potranno sicuramente dare luce a tutto l’insieme.

L’importante è che si scelga il tutto con cura, deve essere tutto abbinato perfettamente, soprattutto perché un accessorio che non sposa alla perfezione col resto risalta e questo potrebbe, inevitabilmente, mettervi in secondo piano.

Anni fa c’era una netta differenza nell’abbigliamento tra le cosiddette taglie piccole che erano considerate la normalità e quelle che oggigiorno, per fortuna, si chiamano curvy e danno la possibilità anche alle formose di sentirsi seducenti e belle.

Sedie patchwork: cosa sono e come utilizzarle

sedie patchwork colorate

ARREDARE CON IL PATCHWORK PER DONARE CARATTERE ED ALLEGRIA ALLA PROPRIA CASA


Presente già oltre il cinquecento anni fa, quando le donne inglesi di umili origini creavano dei tessuti affascinanti usando parti di biancheria che non usavano più indossate, la tecnica del patchwork – che letteralmente significa lavoro con le pezze – prevede la creazione di manufatti collegati usando la cucitura di diverse parti di tessuto così da realizzare un prodotto sempre nuovo e originale. Se fino a qualche decina di anni fa i materiali utilizzati per realizzare prodotti patchwork erano principalmente lana e cotone, oggi si assiste e sempre più grande uso di altri tipi di tessuti come, ad esempio, la pelle e il cuoio: ciò ha permesso di passare dalla produzione di prodotti legati prevalentemente al settore della biancheria (coperte, abbigliamento, tendaggi …) alla realizzazione di manufatti collegati collegati all ‘
Alcuni esempi? Pensiamo solo a dei quadri in filato che possiamo ravvivare e donare un tocco di originalità a qualsiasi parete, così come ai rivestimenti di lampade, divani, cuscini e sedie che impreziosiscono qualsiasi ambiente.

COME UTILIZZARE LE SEDIE PATCHWORK COLORATE PER ARREDARE CON ORIGINALITÀ


Arredare casa con elementi sviluppati in stile patchwork sta diventando sempre più di tendenza ed è interessante notare che questa moda riguarda non solo una particolare stanza, ma tutti i diversi ambienti di una casa grazie all’estrema versatilità di questa particolare tecnica.
Nel dettaglio, è possibile arredare il proprio soggiorno, la propria cucina, lo studio o la fotocamera dei bambini con delle sedie patchwork colorate che, essendo prodotti estremamente eclettici, vengono da uno stile più tradizionale e classico fino ad arrivare a veri e propri prodotti prodotti dal design unico, con stampe originali o ispirate alle grandi icone del design.
Nel momento in cui si decide di arredare una stanza della propria casa con una o più sedie patchwork lo si fa soprattutto perché si ha voglia, soprattutto, di un tocco di originalità e un’impronta estremamente vitale al proprio arredamento mescolando, aggiunto, i tessuti stampati delle sedie con altri arredi dalle tonalità forti che, insieme, concorrono a regalare tutto l’ambiente in un tocco molto originale.
Non solo, perché le sedie patchwork coloratenon si abbinano esclusivamente alle tonalità di altri arredi o delle pareti, ma sono in grado di impreziosire anche un arredamento tipicamente classico – come può esserlo una cucina laccata e monocolore oppure un soggiorno che comprende elementi in legno realizzati artigianalmente – andando ad evidenziarne i punti di forza ed esaltandone la bellezza attraverso il contrasto che vogliono creare e che, ad uno sguardo d’insieme, è particolarmente piacevole da vedere.
Al momento dell’acquisto è fondamentale prendere bene in considerazione anche la qualità delle cure con cui le sedie sono state fornite sia perché eccellente cucitura è sinonimo di qualità elevata del prodotto, oltre che di eccellenza della lavorazione, e poi perché il modo in cui i vari lembi di stoffa sono stati messi insieme possono diventare esso stesso un vero e proprio elemento decorativo.
Non è insolito trovare sedie patchwork colorate che mischiano ancora diversi, cosa che vuole di esprimere in un unico prodotto un proprio stile personale e del tutto originale, così come è possibile trovare rivestimenti che mischiano vari tessuti, ad esempio il velluto intervallato alla lana o al cotone.

Come preparare il perfetto strudel di mele

È la ricetta più diffusa delle Alpi ed è assolutamente irresistibile: lo Strudel di mele (Apfelstrudel) è il dolce classico della tradizione sudtirolese, e prende il nome dalla pasta arrotolata – il nome strudel vuol dire proprio vortice – e che contiene un ripieno delizioso a base di mele, uvetta e pinoli aromatizzato alla cannella.

Una torta irresistibile, e che ha origini molto antiche: la storia racconta, infatti, che sia una variante dell’antica “Bakalava”, un dolce turco che sarebbe arrivato in Ungheria nel XVII in seguito alla dominazione dei Turchi, e poi trasformato dagli ungheresi in strudel. Ben presto si diffuse in Austria, ma è quando arriva in Trentino Alto Adige che conosce il suo massimo splendore: la regione, infatti, è famosa per le sue rinomate coltivazioni di mele, che danno allo Strudel un sapore ancora più speciale.

A secondo delle zone di produzione, lo Strudel viene realizzato con pasta sfoglia o pasta frolla, ma è questa seconda pasta la più tradizionale, e quella che presentiamo oggi con la nostra ricetta.

Gli ingredienti necessari

Per l’impasto

  • 130 g di farina 00
  • 30 ml di acqua
  • 1 cucchiaio di Olio di semi
  • 1 uovo
  • 1 pizzico di sale

Per il ripieno

  • 750 g mele golden
  • 60 g di zucchero
  • 60 g di pangrattato
  • 50 g di burro
  • 50 g di uvetta
  • 25 g di pinoli tostati
  • 1 cucchiaino di cannella in polvere
  • 2 cucchiai di rum
  • 1 scorza di limone

Per servire

  • zucchero a velo q.b.
  • panna montata fresca

 

Il procedimento guidato

Iniziamo dall’impasto: in una ciotola versiamo la farina setacciata e il sale, per poi aggiungere l’uovo e l’acqua e mescoliamo bene con le mani. Per ultimo aggiungiamo l’olio, e poi continuiamo fino ad ottenere un impasto omogeneo che non si attacchi alle mani (in caso sia appiccicoso, possiamo aggiungere massimo 10-20 g di farina).

Creiamo una palla, trasferiamola in una ciotola unta e lasciamola riposare, coperta con una pellicola, per un’ora al fresco. Intanto occupiamoci del ripieno: mettiamo a bagno l’uvetta nel rum (ma se non ci piace, anche in acqua tiepida), sciogliamo in una padella il burro e tostiamo a parte il pangrattato, che va mescolato con un cucchiaio di legno e spento quando è dorato.

Ora sbucciamo tutte le mele, togliendo il torsolo e spezzettandole in fettine sottili, e in una ciotola capiente le andiamo a unire allo zucchero, ai pinoli, alla scorza di limone grattugiata, alla cannella e all’uvetta ben scolata e strizzata.

Ora riprendiamo la pasta, stendiamola su un canovaccio leggermente infarinato e creiamo un triangolo, spennelliamo poi la superficie, tranne i bordi, con burro fuso e pangrattato tostato. Sopra adagiamo il composto di mele, e poi arrotoliamo lo strudel dalla parte più lunga, aiutandoci con il canovaccio sul quale è posizionato, e poi sigilliamolo bene sui lati.

A questo punto lo posiamo su una teglia rivestita di cara da forno con la chiusura rivolta verso il basso, lo spennelliamo col il restante burro fuso e lo inforniamo in forno statico preriscaldato a 200° per circa 40 minuti.

Una volta cotto, si serve ancora caldo e cosparso di zucchero a velo, ancora meglio se accompagnato con della panna montata fresca.

Bitcoin: cosa sono e come averli

bitcoin

Fare un investimento che nel giro di poco tempo possa portare ingenti profitti è il sogno di molti risparmiatori. Da qualche anno i bitcoin sono al centro dell’attenzione proprio per questo motivo: in rete si trovano testimonianze di persone che grazie a questa valuta virtuale hanno ottenuto importanti guadagni economici.

Ma davvero i bitcoin sono uno strumento sicuro e facile per aumentare le proprie entrate?

Questa moneta virtuale è un’alternativa interessante per chi vuole diversificare i propri investimenti; ma perché non sia uno spreco di denaro e di tempo, bisogna avere la pazienza di capire i meccanismi alla base della sua creazione e della sua gestione.

COSA SONO I BITCOIN

La prima cosa da sapere è che i bitcoin non esistono fisicamente: è una valuta virtuale che non prevede la stampa di banconote o il conio di monete.
I bitcoin sono stati ideati da un gruppo di programmatori conosciuti con lo pseudonimo di Satoshi Nakamoto, i quali hanno progettato un sistema di scambio da computer a computer utilizzando un complesso sistema di criptografia (da qui deriva l’appellativo di cripto-valuta).

UNA MONETA INDIPENDENTE

Il 2008, anno in cui il progetto bitcoin viene alla luce, fu un anno terribile dal punto di vista finanziario: il mondo economico si stava ancora riprendendo dalla crisi causata dalle speculazioni di grossi gruppi di credito e da società finanziarie.
l bitcoin nascono con l’obiettivo di essere indipendenti e non vincolati dalle azioni delle banche; il loro valore non viene stabilito da un istituto ma è il semplice risultato dell’iterazione tra domanda e offerta.
Questa loro libertà dai canonici istituti finanziari li ha resi pratici da usare in tutto il mondo, dato che non necessitano di conversioni e di sportelli per la loro gestione.

PRIMI PASSI PER GESTIRE I BITCOIN

Per poter iniziare ad accumulare bitcoin bisogna innanzitutto aprire un portafoglio virtuale detto “wallet”. Basta scaricare sul PC uno dei tanti programmi nati appositamente per questo scopo ed in pochi passi si potrà aprire un portafoglio da cui gestire le transazioni di ricezione ed invio di cripto valuta.
In alternativa esistono dei siti che mettono a disposizione dei “wallet” già pronti all’uso, basta iscriversi per poter avere accesso a questa funzione.

COME AVERE I BITCOIN

  • GENERALI
    Il primo metodo a disposizione è quello della generazione; questo processo conosciuto come “mining” richiede competenze informatiche non alla portata di tutti.
    La generazione della valuta da un computer è un processo dal tratto unico e rivoluzionario: chi possiede le attrezzature di calcolo necessario può essere in grado di produrre cripto-moneta in autonomia.
  • UTILIZZARE PIATTAFORME SUL WEB
    Chi non può permettersi l’investimento iniziale o chi non ha le competenze, si può appoggiare a delle piattaforme presenti sul web che mettono a disposizione strumenti adatti alla generazione dei bitcoin. La filosofia di questi siti è quella di condividere tra un elevatissimo numero di PC la potenza di calcolo necessaria al “mining”; ammortizzando in maniera decisa i costi delle attrezzature e semplificando tutto il lavoro informatico richiesto.
  • ACQUISTARE
    Il metodo più alla portata del investitore medio è quello di comprarli attraverso una classica transazione economica.
    I bitcoin oggi sono sempre più usati e sono in costante aumento le modalità con cui reperirli: di recente nelle grandi città sono stati installati dei bancomat dove, a fronte di un’immissione di contante è possibile ricevere della valuta virtuale da trasferire nel proprio “wallet”.
    Altre soluzione sono gli exchange, ossia dei siti dove avviene un vero e proprio scambio: molto usati per la possibilità di essere consultati anche tramite lo smartphone, sono tra le soluzioni migliori per avere bitcoin grazie alla molteplici possibilità di pagamento accettate e per l’alto livello di sicurezza delle transizioni che garantiscono.