Da sempre la pizza rappresenta in tutto il mondo il simbolo per eccellenza del “made in Italy”,questo prodotto infatti, è riuscito a conquistare i palati di milioni di persone, grazie anche alla semplicità dei suoi ingredienti originali: farina, acqua, lievito , olio e sale.

Il merito del successo di questo prodotto è da attribuire alla cultura napoletana, patria di innumerevoli piatti tipici sia dolci che salati, tra cui la nostra amata pizza.
Non c’è dubbio che la pizza rappresenti in ogni suo elemento la cultura del popolo partenopeo, ma percorrendo la penisola ci si imbatte nella scoperta dei piatti tipici di ogni regione,si diversi tra loro,ma legati da un unico filo conduttore : la passione italiana nella cucina.

Partendo dal nord,possiamo gustare i sapori milanesi,racchiusi nel famoso risotto allo zafferano (ris giald), nella cotoletta e nel dolce natalizio per eccellenza:il panettone(nelle varianti con uva passa o canditi).
La Valle D’aosta e il Trentino , sono famosi per la produzione di insaccati,di vini e grappe, ma anche di primi piatti come i “canederli”, gnocchi di pane raffermo, con l’aggiunta di speck e formaggio; famosa è anche la “polenta e osei”,piatto tipico veneto composto da polenta di mais giallo e uccelli,come quaglie o tordi.

Parlando dell’Emilia Romagna, non si può non nominare: la famosa piadina romagnola,i tortellini in brodo e la lasagna alla bolognese; la Liguria rappresenta la patria del pesto, mentre la Toscana,terra ricca e selvaggia, ci potrà rapire il palato con il suo “caciucco” alla livornese e la sua bistecca alla fiorentina.

Continuando il tour delle bontà d’Italia,scendiamo nella capitale Roma, sinonimo di antiche tradizioni come la “coda alla vaccinara”,ossia coda di bovino stufata,condita con verdure tritate e pomodori pelati;la Puglia è nota per le sue “orecchiette con cime di rapa”,ma anche per i suoi formaggi,come burrate e provolone.
I cannoli con la ricotta fresca e la pasta con “le sarde” appartengono al patrimonio della cucina siciliana, mentre il classico “porceddu”(maialino da latte cotto lentamente allo spiedo) e il formaggio pecorino, sono le specialità della splendida Sardegna.

L’Italia, insomma non è solo bella da vedere, ma anche da “gustare”,lentamente senza abbuffarsi.
Tutti questi piatti,sono si frutto della passione nella cucina regionale, ma si possono facilmente assaporare da chi,di questa passione ne ha ricavato un lavoro; è semplice imbattersi in trattorie o ristoranti tipici che,ci potranno fare riassaporare la semplicità della tradizione italiana,tenendo anche un occhio di riguardo(dato l’evidente momento di crisi)al portafoglio.
Quando si parla di cucina, noi italiani siamo attenti e scrupolosi in ogni dettaglio, poiché per noi la tavola è senza dubbio una cosa seria…mica “pizza e fichi”!!!