L’Italia è uno dei Paesi peggiori d’Europa per gender pay gap. Il World Economic Forum ha stilato il report Global Gender Gap 2021, che vede l’Italia al 63° posto su 156 Paesi.

Un salto verso l’alto, visto che nella rilevazione precedente era al 76° posto.

Un Paese in cui ancora troppe donne non lavorano (1 donna su 2) e se lo fanno non riescono ad essere competitive con i colleghi uomini.

Infatti, in Italia ci sono solo il 28% di manager donna, la cifra più bassa in Europa insieme a quella di Cipro. La differenza salariale poi è altissima: le donne ricevono il 5,6% di stipendio in meno rispetto ai colleghi uomini pari grado, secondo il Wef, e il 12% secondo Eurostat.

Insomma, l’Italia non è un Paese per donne; del resto, sappiamo tutti quanto affermarsi sia difficile e la strada per il successo segue regole rigide e sacrificanti.

Ma, nonostante ciò, alcune donne riescono a farcela: Svetlana Tomasevschi è una di queste.

Svetlana Tomasevschi : la formazione

Esperta nel marketing, Svetlana Tomasevschi si è laureata a 35 anni  presso l’Università di Venezia in Marketing e Gestione delle imprese, una facoltà che prepara le giovani menti al complesso mondo del business facendo acquisire competenze di respiro internazionale.

Svetlana ha una passione per i temi ecologici, la sostenibilità ambientale, e le differenti fonti energetiche alternative, ed è sfruttando questa sua inclinazione che ha lavorato per quattro anni come responsabile marketing nel settore delle energie rinnovabili del gruppo Green Power SPA; un’esperienza estremamente formativa che l’ha arricchita sia professionalmente che umanamente.

Oggi Svetlana Tomasevschi, forte delle sue esperienze e preparazione di alto livello che la contraddistinguono, si trova a svolgere il ruolo di capo dell’Ufficio Marketing di Marchio di Fabbrica.

Una grande agenzia creativa con tre diverse sedi (Milano, Mestre e Udine) che ha lavorato per grandi brand come Adidas, Mizuno, Aprilia Racing, Diadora, Piaggio, Pitti.

Ma oltre a questo ruolo nell’agenzia, c’è molto di più.

Svetlana Tomasevschi tra blogging e social

Con la sua pagina Instagram da 92 mila followers e il suo blog Behind seguitissimo, Svetlana Tomasevschi ha intrapreso il suo personale progetto di storytelling in cui racconta la sua vita, le sue passioni e il suo lavoro.

Comunicatrice raffinata, mescola con la fotografia una narrazione densa e suggestiva, fatta di brevi pensieri, una sorta di haiku giapponesi ai tempi dei social.

L’arte e lo sport dominano la sua narrazione che si dirama tra scene di vita quotidiana e selfie.

“Io racconto il mio modo di scoprire me stessa e il mondo che mi circonda attraverso le immagini. Le mie passioni, i miei sogni e le mie contraddizioni mi compongo, mi rappresentano. Mi piace pensare che condividendo tante piccole parti di me si possa comporre questa mia continua mutazione ed evoluzione”, afferma Svetlana nella sua introduzione del blog.

Mutazione, evoluzione e condivisione sono concetti chiave della sua Weltanschauung personale che si esplica attraverso scorci di momenti rubati alla frenesia del vivere quotidiano.

Le sue foto mostrano un talento artistico solidificatosi in anni di pratica e ricerca.

Atleta infaticabile, Svetlana Tomasevschi conduce workout settimanali in cui allena il suo fisico nel crossfit, una tipologia di fitness esploso negli ultimi dieci anni che permette di creare fisici tonici e asciutti, grazie a circuiti intensi di cardio e pesi alternati molto duri.

Ma per Svetlana Tomasevschi ogni difficoltà è una sfida che la stimola e aiuta a migliorarsi, e così, anche nello sport riesce ad eccellere e integrarlo nella sua vita quotidiana e sui social.

Svetlana Tomasevschi è una professionista poliedrica e interessante, che è riuscita a superare il gender gap italiano e diventare una donna di successo.