Nell’ultimo decennio abbiamo assistito ad un aumento sostanziale dell’uso di Internet e del mondo del web, diventato un punto centrale per la società e per la vita di ognuno di noi.
Con Internet si può fare ormai praticamente di tutto, dalle cose più banali, come messaggiare con amici e parenti fino alle operazioni più serie, come pagare tasse o lavorare, come accaduto durante il periodo del coronavirus, con lo smart working adottato da molte società.
Ovviamente, come conseguenza di ciò sono aumentati a dismisura i siti e pagine web in questo settore, sia perché le aziende decidono di farsi pubblicità e quindi sfruttano Internet come una vetrina per esporsi, sia per ottenere un guadagno extra con le visite, grazie soprattutto agli Ads di Google, dei banner pubblicitari con collegamento ipertestuale che permettono di guadagnare ad ogni clic.
Scopriamo qualcosa in più nel dettaglio e come fare a posizionarli in modo corretto.

Cosa sono gli Ads di Google

Google Ads è un software che permette di inserire spazi pubblicitari all’interno delle pagine di ricerca di Google. Quest’ultimo si tratta senza dubbio della piattaforma di ricerca più utilizzata al mondo, con miliardi di ricerche al giorno su qualsiasi argomento, dai più classici ai più variegati.
Proprio per questo, un sito deve cercare di avere un ottimo SEO ( Search Engine Optimization) che consiste nel posizionarsi il miglior modo possibile nelle ricerche su Google, ovvero apparire nelle prime ricerche quando si ricerca una parola chiave, keyword, e quindi aumentare a dismisura il proprio traffico e visibilità.
Con ottimi paramenti di questo tipo si può guadagnare molto anche con gli Ads che, come abbiamo già accennato, sono dei banner pubblicitari, il più delle volte personalizzati in base al visitatore, che lo invogliano a cliccare sul link per essere poi indirizzati ad altre pagine. Google pagherà poi mensilmente i guadagni totali per click, che possono diventare anche numerosi se la pagina web è molto visitata giornalmente.

Come sfruttare al meglio il posizionamento delle ADS di Google

Ovviamente, non bisogna esagerare con i banner pubblicitari e farli diventare troppo invasivi, in quanto ciò peggiorerà il posizionamento SEO del sito ed inoltre porterà i visitatori ad abbandonare la pagina.

Alcuni consigli pratici da seguire per un giusto posizionamento delle ADS sono:

  • non metterne eccessivamente in ogni pagina web, ma massimo 3/4 e non tutti vicini ma suddivisi nei vari spazi liberi;
  • i banner pubblicitari non devono essere troppo grandi ed ingombranti, ma passare comunque in secondo piano;
  • le dimensioni consigliate sono massimo 400×400, non di più. A volte si può evitare di mettere immagini e creare solo ADS con collegamenti ipertestuali;
  • i banner devono essere scelti accuratamente ed essere posizionati in modo armonico nella pagina. Per esempio, un banner pubblicitario che interrompe la lettura di un articolo non sarà sicuramente gradito e ben visto dai lettori.