Deutscher Fussball-Bund è tra le nazionali più forti della storia calcistica.

La federazione nacque nel 1899, ma la prima partita ufficiale fu disputata nel 1909 contro la Svizzera a Basilea che vinse per 5 a 3. Non fu proprio un inizio glorioso quello della nazionale tedesca che ebbe il suo primo commissario tecnico nel 1926: Otto Nerz, un insegnante che guidò la squadra per 10 anni. Dopo alcuni piccoli successi, la nazionale si trovò in forte difficoltà alla fine della seconda guerra mondiale. Tra le difficoltà economiche causate dalla guerra e la divisione in 2 dello stato tedesco, si formò una nuova nazionale che intendeva gestirsi in maniera autonoma: la Germania dell’Est che però non ebbe grandi vittorie. Il primo importante successo della Germania dell’Ovest fu la vittoria dei Mondiali del 1954 in Svizzera, ricordati come “Miracolo di Berna”, perché la Germania riuscì a sconfiggere l’Ungheria che in una partita del primo turno l’aveva battuta per 8 a 3, segnando a 6 minuti dalla fine. La nazionale tedesca rimontò le due reti di svantaggio e il cosiddetto “miracolo” fu opera di Helmut Rahn. La seconda vittoria mondiale fu nel 1974 contro l’Olanda per 2-1 alla Stadio Olimpico di Monaco di Baviera. Per molti la formazione schierata in campo dal commissario tecnico Helmut Schon fu una delle migliori squadri del mondo. Si aggiudicò nuovamente il titolo mondiale solo nel 1990, in Italia, grazie ad un rigore procurato all’84 minuto da Andreas Brehme, in finale contro l’Argentina. Anche nei 2 mondiali precedenti la Germania Ovest era riuscita ad arrivare in finale, ma aveva perso prima (’82) contro l’Italia e nel 1986 contro l’Argentina di Marodona. Quello del 1990 fu l’ultimo mondiale delle nazionali divise, perché da Euro ‘92 o poi dai mondiali del ’94 la Germania presentò un’unica squadra reclutando la maggior parte dei giocatori dall’ex Germania Ovest ed alcuni dall’ex Germania est.

sport

L’unica vittoria, però, della Nazionale tedesca unita fu quella degli Euro ’96 e successivamente arrivò in finale nei mondiali del 2002 contro il Brasile. In quell’ occasione, nonostante la sconfitta, il portiere Oliver Kahn vinse il Pallone d’Oro; fu la prima e unica volta che un portiere ha vinto il prestigioso premio. Nei mondiali del 2006, vinti dall’Italia, la Germania, che ha giocato in casa, si è piazzata ad un soddisfacente terzo posto, mentre ad Euro 2008 è arrivata in finale, ma ha perso contro la Spagna. La Germania si è confermata comunque tra le migliori nazionali del mondo. Ed è ancora la Spagna che li blocca in semifinale nei Mondiali del 2010, nonostante gli ottimi giocatori che vanta la nazionale tedesca come Thomas Muller e Miroslav Klose. Questi due giocatori sono quelli che hanno segnato il maggior numero di reti con la maglia della nazionale tedesca. Non c’è dubbio che questi siano gli anni migliori per la Germania guidata da Joachim Low che si riconferma, come nel 2006, al terzo posto vincendo 3-2 contro l’Uruguay.

La Germania è adesso qualificata per i Mondiali 2014 in Brasile ed ha vinto il proprio girone e con 28 punti. Nella classifica della Fifa è considerata la seconda squadra più forte del mondo, dopo la Spagna. Per molti tifosi la Germania è la squadra favorita per vincere i prossimi mondiali, perché ha una formazione giovane che ha potuto farsi le ossa nei due mondiali precedenti, anche se non si possono sottovalutare i campioni in carica, Spagna, e, ovviamente, i padroni di casa.